La manutenzione di un immobile, o Facility Management, è un complesso di operazioni necessarie a conservare la funzionalità e l’efficienza conservare la funzionalità e l’efficienza di una struttura, di un impianto o, per esteso, di un servizio.

Ha a che fare con il concetto di “prendersi cura”, il “conservare”.

In questo senso, il concetto di manutenzione è qualcosa che, per definizione, riporta al passato. A quando ancora le cose “vecchie” non si buttavano via per acquistarne di nuove, ma si mantenevano, si riparavano, si facevano durare nel tempo.

Gli interventi di manutenzione, ordinaria o straordinaria, hanno un impatto diretto non solo sull’immobile, ma soprattutto sulle persone che vi lavorano. Per questo, investire in servizi di Facility Management è strategico per le aziende.

Oggi questo vale più che mai, perché in un momento storico difficile dal punto di vista economico, in cui si tenta di risparmiare e si evita di “spendere” più del dovuto, si torna alle vecchie maniere, e la manutenzione riacquista importanza.

Vediamo come e perché la tua azienda non può farne a meno.

Chi è il Facility Manager

Le competenze tecniche necessarie a gestire e completare un intervento di manutenzione sono indispensabili a erogare un servizio di qualità. Chi ne è incaricato? Il Facility Manager.

Questa figura può svolgere le proprie mansioni all’interno dell’azienda oppure in outsourcing, presso un general contractor specializzato in servizi di manutenzione di spazi commerciali o uffici.

Scegliere un Facility Manager può non essere semplice. Se la tua azienda è alla ricerca di una persona qualificata o di un partner dedicato, è utile valutare questa figura in base a specifiche competenze.

Quali sono le competenze di un Facility Manager? Ecco le principali:

  • Reattività
  • Dinamismo
  • Disponibilità
  • Ascolto
  • Problem solving

 

Quali risultati può raggiungere un Facility Manager?

Se guardiamo ai numeri, in Avanspace un Facility Manager del team Manutenzione è in grado di gestire 10 interventi di emergenza al giorno  per un solo Cliente, in aggiunta agli interventi di manutenzione ordinaria programmata. Il risultato è presto detto:

0
Interventi di manutenzione straordinaria al giorno
0
Interventi di manutenzione gestiti in 1 anno

 

Qualità e Cliente nel Facility Management

La qualità nell’erogazione di un servizio di manutenzione dipende certamente dalla competenze tecniche di chi esegue l’intervento sul campo, ma non solo.

Il primo approccio con il Cliente è fondamentale.

Un cliente che chiama allarmato per un problema, qualsiasi esso sia, va ascoltato, compreso, “coccolato”, seguito, e accompagnato.

Ecco che il concetto del “prendersi cura” fa nuovamente capolino.
Perché il significato di manutenzione è prendersi cura di qualcosa, ma anche prendersi cura di qualcuno.

Nelle operazioni di Facility Management, l’aspetto umano è fondamentale per la buona riuscita di un intervento o per l’erogazione di un servizio.

Anche quando lo stress cerca di prendere il sopravvento.
Soprattutto nei periodi più “caldi”. Non solo nel senso letterale del termine. Nella stagione invernale, per esempio, il freddo improvviso fa scatenare una moltitudine di richieste di intervento.

Caldaie in blocco, spifferi d’aria dalle finestre o dalle porte, fancoil che non emettono aria calda.
Ecco. In questo caso, è necessario un bel respiro profondo e si parte con l’organizzazione degli interventi sul campo. Un’organizzazione che in un’ottica di ottimizzazione costi e soddisfazione del cliente prevede:

  • l’uscita tempestiva di un tecnico specializzato
  • sistema da dover gestire.

Qualche esempio?

Pensiamo ad una qualsiasi attività lavorativa, all’interno di un punto vendita oppure di un ufficio di banca. Per consentire ai propri collaboratori di svolgere appieno le proprie mansioni, è necessario garantire un adeguato comfort climatico.

Vien da sé che in casi di estremo caldo, o di estremo freddo, questo comfort climatico viene meno. L’intervento di manutenzione, per una caldaia o un impianto di climatizzazione in blocco, sarà dunque estremamente urgente.
Un guasto, dunque, da ripristinare in tempi ridotti.

Così come un black out.

Pensiamo ad una realtà lavorativa, di chi eroga servizi al pubblico, che lavora mediante l’utilizzo di pc.
Il disservizio che può creare un black out è evidente: persone allarmate, che non sanno come poter gestire l’emergenza cadono in preda al panico. Anche in questo caso, l’intervento, va gestito in tempi brevissimi.

L’emergenza è all’ordine del giorno per chi lavora in manutenzione.
La forza di un team di Facility Manager sta nel saperla gestire, nei tempi e nei modi, con un unico obiettivo: la soddisfazione del cliente.

Questo articolo è stato scritto con il contributo di Barbara Daini Facility Manager di Avanspace.

Cerchi un servizio di Facility Management?

Name (mandatory)

Email (mandatory)

Company

Spunta per Accettare. Non cederemo la tua mail a Terzi